Senza categoria

Renzi, socialista o liberale? Né socialista, né liberale! di P. P. Caserta

Postato il Aggiornato il

Pier Paolo Caserta

.

Quando leggo, come ancora mi capita, l’affermazione che Renzi è socialista, oppure liberale, o persino entrambe le cose, mi viene una doppia e tripla orticaria.

Renzi non ha nulla a che vedere con il socialismo e anche definirlo liberale è, a mio parere, una forzatura notevole. Se vogliamo accogliere le parole nel loro uso annacquato, accettando che siano rese del tutto inoffensive, o per meglio dire dannose, allora tutto diventa possibile e si può dire quello che si vuole. Ma nel senso più degno, serio (dico degno e serio, non necessariamente univoco, ché non mancano mai quelli pronti ad agitare l’accusa di purismo citando Nenni a sproposito, sforzandosi molto, da buoni alfieri del renzismo, di fare passare per rigidità settaria la richiesta del minimo dovuto di onestà intellettuale e coerenza) di entrambe quelle parole e delle grandi tradizioni di pensiero che indicano, Renzi non ha nulla a che vedere né con l’una né con l’altra. È estraneo all’una come all’altra.

Anzi, in un senso più proprio e più forte, io sostengo che l’azione del renzismo di governo ha avuto nel Socialismo e nel liberalismo il proprio duplice campo di avversità.
“Pieni poteri”… Quanto al rapporto con il liberalismo, è pur vero che il PD ha, per esempio, promosso e portato a casa una legge sulle unioni civili che, sia pur insufficiente è, si dirà, pur sempre meglio di niente. Ma questo è lo stesso schema ormai da tempo congeniale ai partiti conservatori europei, pronti a patrocinare i diritti civili per sottrarre diritti sociali.

Ma dove Renzi è stato profondamente avverso alla cultura liberale è sul piano politico-istituzionale. Basta dire che, qualora fosse passato il tentativo renziano di deforma costituzionale, magari in combinazione con l’Italicum, forse l’altro Matteo non avrebbe nemmeno avuto bisogno di invocarli molto maldestramente, come ha fatto, quei famosi “pieni poteri”, perché il governo grillo-leghista si sarebbe trovato già all’atto del suo insediamento un potere nella forma più gradita ai due demagoghi giallo-verdi, cioe con un Esecutivo rafforzato in modo abnorme a discapito del Parlamento e una Costituzione modificabile a piacere.

L’altro campo di avversità del renzismo è proprio nel Socialismo. Non diversamente da larga parte dei partiti socialdemocratici europei subalterni alla destra economica, il Pd renziano ha eseguito in Italia le politiche economiche egemoni nell’attuale ciclo neoliberista / ordo-liberale. Mettere Renzi nella storia del Socialismo riflette un grosso equivoco; il Pd renziano è, semplicemente, stato dall’altra parte dello scontro di classe in corso, basta vedere chi siano stati i suoi sponsor e compagni di cordata. L’orizzonte ideologico nel quale il renzismo si inscrive è quello della liquidazione della sinistra, riassorbendola norminalisticamente per depotenziarla di fatto. Quanto al rapporto con il liberalismo, dunque, in perfetta sintonia con la generale tendenza alla contrazione degli spazi della democrazia e alla sua semplificazione (certificata dall’abuso dei social, non diversamente dall’altro Matteo, per riempire di apparenze un vertiginoso nulla, la cinica amministrazione dell’esistente), Renzi ha cercato di alterare l’equilibrio liberale tra i poteri a vantaggio dell’esecutivo. Difficile pensare qualcosa di meno liberale. Per fortuna fallì, ma nell’infragilimento della democrazia liberale ha svolto un ruolo, in quello dell’affossamento della sinistra purtroppo, e complice anche la sinistra, un ruolo anche maggiore. Renzi che ora si atteggia a contrastare il peggio, non è mai stato opposto al peggio. È stato quando complice, quando apripista del peggio.

Pier Paolo Caserta

Salvini arlecchino servitore di due padroni. di A. Castronovi

Postato il

castronovi-foto-2

.

De Benedetti e il gruppo Repubblica/Espresso, Calenda e il suo disegno neocentrista, Emma Bonino con il suo ultraeuropeismo, espressioni delle componenti fra le più liberiste del nostro paese, sono contro il governo Conte bis. Domanda: perché?
La Lega Nord è il cuore dell’opposizione politica appaltata a Salvini e alla finta Lega nazionale e al suo finto sovranismo con la coda neofascista di FdI della Meloni. A questi si associa una nuova sinistra sovranista in fieri che accusano questo governo di essere una diretta emanazione di Bruxelles e diretta dalle sue oligarchie. Cioè una parte del capitalismo italiano lo accusa di essere diversamente ma comunque “populista”, cioè sbilanciato a sinistra .La finta Lega di Salvini e una parte della sinistra-sinistra, invece, di essere subalterno all’austerità imposta dal modello ordoliberista europeo. Chi si sbaglia? Qual è la verità?
Io penso che una parte del capitalismo italiano non vuole abbandonare le politiche liberiste di austerità imposte dai trattati europei e teme un cambiamento che è in agenda in Europa per affrontare le difficoltà che incontra il modello di sviluppo tedesco basato sulle esportazioni in conseguenza delle misure protezioniste imposte da Trump e delle politiche dei dazi verso Cina e alle sanzioni imposte a diversi paesi, tra cui la Russia, tutti mercati di sbocco delle merci tedesche. Dall’alto lato il Nordest , che lavora per contoterzi con l’industria tedesca , vede ridursi il numero di commesse tedesche e rischia una seria crisi. E batte cassa a Roma. Vuole più risorse finanziarie dal bilancio dello Stato con l’autonomia differenziata e la flax tax per sostenere una massiccia defiscalizzazione delle suo sistema produttivo per abbattere i costi delle commesse tedesche a loro vantaggio. Spolpare il Paese per sostenere il Nord produttivo, cioè un territorio vassallo del modello ordoliberista tedesco in crisi verso il quale si sposterebbero risorse sottratte al nostro Sud e al resto del nostro Paese . E questo obiettivo viene gabbato come politica sovranista..! L’opposizione della Lega non è antieuropeista e antitedesca ma , al contrario, mira a massimizzare i vantaggi per il Nordest con un atteggiamento sindacale e rivendicativo per avere quel surplus in termini di spesa di bilancio da Bruxelles per finanziare flax tax e autonomia differenziata. Su questo è caduto il governo Conte. Su questo punto si qualifica la sua opposizione gridata al governo Conte bis dietro il finto sovranismo di Salvini, servitore degli interessi conservatori del modello tedesco e del Nordest. Un arlecchino servitore di due padroni.
Un autentico sostenitore della sovranità nazionale e costituzionale non può sostenere neanche da sinistra questo progetto e questa opposizione ad un governo appena nato senza rischiare di fare da zerbino per il conservatorismo leghista che è l’autentica chiave interpretativa della natura della opposizione a questo governo. Sono la Lega e l’opposizione ultraliberista a questa governo i veri nemici della nostra sovranità. Un governo con significativi limiti ma che va incalzato e sostenuto quando serve per forzare i limiti e i vincoli delle politiche di austerità a vantaggio di tutto il paese e non del solo Nordest. È questo un passaggio decisivo per il futuro del nostro paese. Se fallisce questo governo niente ci salverà dal disastro. Non è questo certo il mio ideale di governo ma se vince questa Lega non ci sarà più nulla per cui combattete. Ci aspetta la balcanizzazione dell’Italia. E smettiamola con il vecchio refrain contro i 5S e il PD. La storia cammina , le situazioni cambiano.Lo dico da sovranista costituzionale , da populista di sinistra, da comunista.

Antonio Castronovi

La crisi di agosto: verso la fine dell’anomalia italiana? di A. Benzoni

Postato il

Alberto Benzoni

.

Nel “qui e ora” dei media italiani, aggravato oltremisura nel prisma distorto dei giornali di destra e dell’immancabile “Repubblica”, il processo che sta portando alla nascita del governo giallorosso è stato dipinto in termini sostanzialmente negativi: accordo tra perdenti, timore antidemocratico per il voto popolare (Giannini dixit), attaccamento alle poltrone, miserie collettive e divisioni personali descritte come una minuzia degna di miglior causa; e così via.

Guardando dall’alto e in prospettiva le cose appaiono invece del tutto diverse; per una serie di ragioni su cui dovremmo, come italiani e come componenti della “sinistra che non c’è”, riflettere tutti.

La mia modestissima opinione è che la crisi di agosto e la sua soluzione abbiano creato tutte, dico tutte, le premesse per una fuoriuscita positiva dall’”anomalia italiana”; o, per meglio dire, dalle tante anomalie negative che caratterizzano il nostro paese.

Stiamo parlando di processi virtuosi che potranno svilupparsi, o pure no: ma che, questi sì, rappresentano una vera svolta rispetto al passato. E che sono stati aperti qui e oggi.

Parliamo dei rapporti tra Italia ed Europa- Di quelli tra populismo-sovranismo di destra e di sinistra. E, infine, di quelli tra le forze politiche italiane.

Cominciamo da Biarritz. E cioè dal fatto che Conte abbia confermato la frattura irrimediabile e definitiva rispetto alla Lega in terra straniera. E con il plauso dell’Europa intera: così da vedere caldeggiata la sua riconferma non solo da Macron e dalla Merkel ma anche da molti esponenti socialdemocratici; oltreché, in Italia, dal Vaticano di Papa Francesco.

Per Salvini (e temo anche per qualche ideologo della sinistra pura e dura) un segno di indegnità. Per il sottoscritto (non sospetto di simpatie per l’Europa che c’è), un’ottima cosa. Perché, alla lunga, la realtà delle cose e le leggi della politica hanno sempre la meglio sull’intossicazione ideologica. Perché, nel caso specifico, “ordoliberismo” e austerità stanno franando sotto i nostri occhi. E perché da ora in poi, statene assolutamente certi, l’Italia giallorossa cesserà di essere un ex criminale sotto sorveglianza; e il Pd non avrà più bisogno di tifare per lo spread. E perché, infine, per il combinato disposto del mutamento politico in Italia e della rivalutazione del keynesismo in Europa, gli appuntamenti annuali con la Commissione cesseranno di essere un processo sul debito e sul deficit e diventeranno un dialogo costruttivo sulle politiche da adottare. Come è giusto che sia.

Ed è sempre a livello internazionale che sarà chiarito quello che avrebbe dovuto essere evidente da tempo e cioè la distanza potenzialmente abissale tra populismo-sovranismo di destra e quello di sinistra. Il primo è nazionalista per scelta; il secondo, internazionalista per necessità. Il primo odia l’Europa e i suoi valori; il secondo lotta per cambiarla. Il primo corre lungo l’asse Trump, Bolton, Johnson, Bolsonaro, Netanyahu (con la benedizione interessata di Putin) il secondo corre invece lungo l’asse tradizionale della politica estera italiana a partire da Mattei e Fanfani per arrivare, via Andreotti e Craxi, sino a Berlusconi. E, per concludere, il primo è autoritario e regressivo e fondato sulla ricerca del nemico; il secondo, democratico e solidale.

Si dirà a questo punto che il Movimento 5 Stelle non appartiene al populismo di sinistra. E invece sì: per le 5 stelle che caratterizzano il suo programma e i suoi obiettivi, per i suoi riferimenti culturali; e per i suoi allineamenti politici a livello europeo. In senso contrario il leaderismo reale, Grillo, o vagamente comico, il capo politico, le risibili chiusure al mondo esterno, l’enfasi giustizialista e infine, il rifiuto della legge di gravità ( né di destra né di sinistra). Difetti per altro propri delle prime fasi di qualsiasi movimento antisistema; e che si sarebbero naturalmente dissolti di fronte al principio di realtà. Difetti, non marchi di infamia. E difetti superabili nel confronto anche polemico con il Pd, confronto obbligato per due formazioni con simile base elettorale.

Averlo ripetutamente rifiutato ha avuto conseguenze funeste. Sia per i due protagonisti, sia per l’Italia: l’unico paese dell’Europa occidentale dove il contrasto potenziale tra ottimati e popolo stava diventando guerra aperta, con inequivoche manifestazioni di razzismo culturale e con conseguenze funeste per la tenuta stessa della collettività nazionale.

In tale contesto l’avere evitato le elezioni, puntando sull’alternativa di un governo politico costituisce oggettivamente un titolo di merito. Oggi l’alternativa in campo non è più tra lettori di “Repubblica” e barbari. Ma tra i fautori della democrazia liberale e i suoi nemici; e in prospettiva tra sinistra e destra.

Non è detto naturalmente che questa battaglia sia vincente. Dipenderà dal programma e dalla sua natura di svolta non solo rispetto al passato prossimo del governo gialloverde ma anche a quella, prolungato, della sinistra di governo negli ultimi decenni.

E dipenderà anche dall’entrata in campo della “sinistra che non c’è” e dalla sua capacità di intervento e di mobilitazione. “Marciare divisi”, certo; ma anche, quando necessario, contrastare uniti l’avversario comune.

Alberto Benzoni

È veramente unita la Lega di Salvini? di M. Zanier

Postato il

Marco Foto

.

La crisi di governo innescata da Salvini l’8 agosto con le parole “La maggioranza non c’è più, restituiamo la parola agli elettori” ( Monica Guerzoni, Corriere della Sera on line, 8 agosto 2019) ha di fatto scatenato il disappunto di Luigi Di Maio e del Movimento 5 Stelle e la reazione del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ne ha condannato il comportamento nel suo discorso al Senato. Il seguito lo vediamo tutti: la costruzione di un accordo di governo tra il PD prima all’opposizione ed il M5S, fino a poco fa al governo con la Lega, con una maggioranza alternativa in Parlamento senza bisogno di far ricorso al voto.

Secondo molti osservatori, Salvini ha giocato male la sua partita, essendo allora l’elemento più in vista del precedente governo giallo-verde a trazione leghista su moltissimi punti ed avendo di fatto ribaltato il “suo” governo. Aggiungo che il segretario della Lega sta di fatto guidando il suo partito in modo molto individualista, scegliendo troppo spesso da solo per tutti senza consultare gli organi dirigenti ed i suoi collaboratori più stretti. Si obietterà che è la stessa posizione di Bossi delle origini, ma Salvini non è Bossi e la Lega di oggi non è più la Lega Nord, anzi l’attuale segretario ha commesso molti errori da quando nel dicembre del 2013 ha voluto traformare il partito federalista del Nord in una cosa nuova. È quanto afferma oggi Cristiano Puglisi nel Blog de Il Giornale.it, I limiti della Lega. Perché ora il salvinismo deve diventare vero sovranismo”: il salto nel buio agostano non è stata l’unica pecca di un partito, la Lega, che in questi anni non ha, per dirne un’altra, saputo fornire alla proposta sovranista una solida base ideale e culturale e ancora la Lega non ha saputo realizzare una proposta coerente: sui temi etici si è vista la convivenza del rosario e delle invocazioni misticheggianti con i selfie sul cubo dei locali alla moda, in politica economica il ritorno al sociale ha condiviso le stanze col liberismo più spietato mentre, in politica estera, alla cosmetica filo-russa […] ha fatto seguito il solito (a destra) appiattimento assoluto sulle posizioni dei neoconservatori americani. Trasformazione sovranista non riuscita, confusione nei riferimenti etici del segretario, eccessiva spregiudicatezza nei rapporti internazionali della Lega. Chi ha fatto queste osservazioni scrive, ovviamente, su periodici di centro-destra e osserva il fenomeno Salvini con un occhio critico che, secondo me, non va sottovalutato.

Oggi Matteo Salvini si è rifiutato di portare la sua delegazione da Giuseppe Conte e lo stesso ha fatto Giorgia Meloni, entrambe convinti che basti il ricorso alla piazza per crescere elettoralmente e uscire vincitori dalle future elezioni (che ora sembrano allontanarsi). Quali prospettive si aprono al partito di via Bellerio oggi oltre all’iniziativa personale di Salvini, che trova in Fratelli d’Italia i suoi unici veri alleati (dato che Berlusconi ha affermato che l’opposizione al governo Conte sarà repubblicana e al Senato)? Una scalata al potere molto difficile ed un rapporto con alcuni vertici leghisti ormai usurato. Il caso Giorgetti, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, parla da solo, se ci si ricorda la sua visita al Colle il 18 luglio all’insaputa di Salvini, per mettere la parola fine al suo possibile incarico di membro italiano della Commissione Ue (si veda “Il grande freddo che divide Salvini e Giorgetti” del 31/07/2018 su www.lettera43.it), giocando una partita di fatto molto diversa da quella del suo segretario. La posizione di Maroni è ancora più evidente: la sua intervista ad Omnibus (la 7) del 26 agosto è culminata nell’affermazione che il calo elettorale della Lega registrato dai sondaggi è attribuibile all’iniziativa di Salvini di aprire la crisi di governo. Segno che sotto la cenere del salvinismo di facciata di Maroni, cova una politica leghista molto differente.

Sia chiaro, il partito di via Bellerio è ancora un partito grosso e con un grande seguito popolare e la vicinanza della Meloni non può farci stare tranquilli, ma se l’accordo di governo PD-M5S andrà a buon fine dando vita al governo Conte 2, le contraddizioni interne a quella formazione potrebbero anche esplodere e potrebbe verificarsi un’ennesima mutazione nella linea e forse anche nella leadership della Lega.

In tutto questo, la sinistra se saprà ricomporsi, i movimenti civici e democratici, i socialisti autentici e i sindacati, potrebbero tentare di dare vita ad un percorso credibile e nuovo per occupare uno spazio politico che né questo governo, né il centro-destra in difficoltà potranno occupare naturalmente. Ripartendo dai problemi dei lavoratori reali, dalle difficoltà di reddito, di salari troppo bassi, di precarietà abitativa ed incertezza della vita che attraversano le nuove generazioni ed i quarantenni di oggi a cui sembra che nessuno in Parlamento sappia o voglia più davvero parlare.

Marco Zanier

 

Non ci indurre in tentazione. di A. Angeli

Postato il Aggiornato il

Alberto Angeli 2

.

Non ci indurre in tentazione, è una invocazione della catechesi modificata in: “Non abbandonarci alla tentazione”, che traslata dal rapporto con il Padre celeste ci porta : “sul terreno del confronto tra la nostra libertà e le insidie del maligno”. Dobbiamo ricorrere a questa invocazione per scongiurare le insidie del maligno, che si cela nelle menti di coloro che sperano  che dal confronto in corso tra il PD e il movimento 5stelle nasca un governo Giallo/rosso. “Vengo a parlare d’affari”, dice il diavolo a Adrian Leverkhun, protagonista del Doctor Faustus ( di Thomas Mann),ovvero:  Renzi suggerisce a Zingaretti di sfidare i 5stelle su Conte a Presidente del Consiglio, mettendo in atto il secondo piano della tattica con la quale aveva aperto già, con il suo intervento al senato e in altre sedi, ad un Governo PD/5Stelle, da cui trarre tutti i vantaggi a sostegno del suo progetto, che non coincide affatto con il PD partito di governo o di opposizione. Insomma, il nostro Adrian Leverkhun, alias Matteo Renzi, chiede tempo per portare a compimento il suo disegno che, satanicamente, si propone diverse variabili, tra le quali non c’è nessuna delle condizioni sulle quali il Segretario del PD si sta esponendo nella trattativa con i pentastellati.

Per questo Zingaretti non avrebbe dovuto cedere alle scaltre prese di posizione del pifferaio di Hamelin, ma valutare invece la sostanziali iniziative che collocano il personaggio Renzi in competizione con il PD: La Leopolda, i Comitati Civici, la Scuola del Ciocco, e da subito respingere ogni ipotesi di incontrare i 5Stelle. Certo, la natura interclassista del PD costituisce un condizionamento pesante, per un segretario che proviene dalle file del PC, proprio per questo motivo, questa doveva essere colta come l’occasione politica per una appropriata redde rationem sul significato di qualificarsi come un’alternativa di sinistra all’esperienza del governo Conte. Incontrare l’Avatar della Casaleggio/Grillo, patologicamente di destra, come ha dimostrato nei 14 mesi di governo sostenendo con non nonchalance le fascistiche iniziative di Salvini, amante del potere ( tre ruoli impegnativi nel Governo Conte ), manipolatore dei temi sociali ( lavoro, esclusione, povertà, giovani, famiglie . immigrazione, e altro ) ai quali si dedicava al solo scopo di disorientare e imbonire il malessere socio politico per distogliere l’attenzione dai veri temi su cui lavorava con Salvini per la  trasformazione del Paese e della nostra democrazia in una plutocrazia, è decisamente una resa.

La segreteria di Zingaretti è messa alla prova di resistenza anche dalla sorprendente disponibilità di ciò che rimane della sinistra-sinistra favorevole a trattare con i 5stelle e possibilista su un accordo di governo, addirittura incline ad accettare il diktat di Di Maio su Conte 2° e magari con gli stessi Ministri universalmente ritenuti incapaci, a cui si associa perfino la grande CGIL, al contrario della CISL, che ha espresso una posizione più guardinga.  Al dunque, al punto in cui è ormai lo stato del confronto, sarà quindi difficile al segretario del PD sottrarsi al confronto, come parimenti non potrà sfuggire alle conseguenze che si determineranno a seconda dei risultati che i 5stelle, cioè Di Maio, si propone di raggiungere seguendo la sua naturale vocazione politica. Mercoledì 28 è vicino.

Qui ci vorrebbe un esorcista per far fuggire il maligno e riportare serenità nelle file del PD, ( e nel paese ) anzi sanità mentale. La crisi di governo è stata una panacea che andava còlta e coltivata con l’astuzia (l’ottimismo della volontà) politica e il pessimismo dell’intelligenza: cogliere la crisi come occasione per recuperare un ruolo strategico alla sinistra e mantenere (alimentare) una dura lotta contro la destra fascistoide della Lega e del movimento 5Stelle, di cui Conte è stato protettore e esecutore durante i 14 mesi di governo in comune con i giallo/verde. Questa esperienza di Governo e la modalità della sua crisi, quale che sia la conclusione che conosceremo tra pochi giorni, è indubitabilmente un campanello d’allarme per la sinistra o di ciò che rimane. Non solo la sinistra che residua non riesce a individuare un ambito su cui ricostruire una identità socialista e mettere insieme idee, esperienze, conoscenze, volontà per attrezzare un progetto minimo da proporre al Paese e al mondo del lavoro, agli esclusi, ma anche al ceto medio e a quella parte della borghesia intellettuale disponibile a lavorare per una società giusta e  libera, ma sembra permanere in uno stato di paralisi assurda, sfidandosi in continuazione su temi divisivi e di limitato orizzonte, favorendo quel fenomeno che spinge gli elettori a sostenere posizioni populiste, antidemocratiche e demagogiche.

Dobbiamo sperare, come forza conoscitiva dei nostri mezzi, della nostra cultura e della nostra storia, perché la speranza, come scrive Aristotele: “è un abitudine virtuosa che in potenza tende al raggiungimento di un bene futuro difficile ma non impossibile da realizzare. In questo comportamento occorre che sia ben definito il bene che si vuole ottenere e il mezzo che rende congruamente possibile conseguirlo: per cui la speranza si riferisce non solo all’oggettivo bene verso cui tende la volontà, ma anche a ciò con cui si ha fiducia di ottenerlo” ( Vita dei filosofi Diogene Laerzio).

Alberto Angeli 

Una politica responsabile. di M. Zanier

Postato il Aggiornato il

Marco Foto

.

Dopo l’apertura della crisi da parte del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini ed il discorso di Giuseppe Conte al Senato, si è aperta una crisi di governo per le dimissioni che il Presidente del consiglio ha presentato al Presidente della Repubblica.

La trattativa in corso tra il Movimento 5 Stelle, la formazione politica con la maggioranza relativa in entrambe i rami del Parlamento, ed il Partito Democratico, fino ad ora all’opposizione, è stata fortemente voluta dall’ex segretario del PD Matteo Renzi, che ancora controlla i gruppi parlamentari del partito (essendo stati i deputati dem a suo tempo nominati da lui) ed è stata ratificata dall’ultima Direzione nazionale che ha dato all’unanimità l’incarico all’attuale segretario Nicola Zingaretti di tentatre la formazione di un governo con il Movimento 5 Stelle guidato dal vicepremier Luigi Di Maio. La trattativa tra i due partiti, articolata dal PD in cinque punti per correggere la rotta dell’attuale politica di governo verso una prospettiva più chiaramente di centro-sinistra, soprattutto sulla questione di un controllo differente dei flussi migratori e dell’accoglienza dei migranti troppo spesso bloccati nei porti italiani dal ministro Salvini, sembra essersi arenata sul nome di Giuseppe Conte che Di Maio e la base del Movimento 5 Stelle vorrebbero ancora Presidente del consiglio di un governo retto però da una maggioranza diversa da quella precedente.

Se è vero che Giuseppe Conte ha esplicitamente chiuso la porta a Matteo Salvini nel suo discorso in Senato e successivamente al G7 in corso a Biarritz ha chiuso la possibilità di un futuro governo con la Lega sotto la sua egida, gelando in queste ore anche le sotterranee aperture del capo politico del M5S a quel partito e se il Presidente della Camera Roberto Fico (uno degli artefici maggiori nel Movimento di Grillo dell’apertura ai dem), si è sfilato poco tempo fa dalla morsa di Zingaretti che lo voleva Presidente del Consiglio al posto di Giuseppe Conte per un “Governo di svolta” in forte discontinuità con il recente passato, è tuttavia evidente che la trattativa tra i due partiti rischia di naufragare sul nome di Conte.

Di fronte all’argomentare, secondo me, non ancora maturo politicamente del Movimento 5 Stelle, che vuole mantenere il punto a tutti costi nella trattativa con il PD non muovendosi dal Giuseppe Conte premier e di fronte all’inammovibilità di Zingaretti, pure pressato dai parlamentari renziani che gli chiedono di cambiare atteggiamento, si nascondono due ordini di problemi: per il M5S, a detta di Di Maio, l’accordo di governo col PD sarebbe digeribile dalla base sulla loro piattaforma web Rousseau slo se associato al nome di Conte nel ruolo di premier; per il PD invece l’accordo stesso sarebbe indigesto per il neo segretario Zingaretti che fino a pochi giorni fa era dell’avviso di andare al voto, senza contemplare la formazione di un governo con le attuali maggioranze parlamentari.

Se si andasse al voto, quasi sicuramente il centro-destra o forse proprio la Destra più cupa senza l’apporto decisivo di Forza Italia (più morbida a livello europeo e meno legata ai gruppi eversivi di matrice fascista) potrebbe senza troppi problemi andare al governo e restarci per molti anni, scardinando le istituzioni, il delicato equilibrio dei poteri previsto dalla nostra Costituzione, attaccando la laicità dello Stato, i diritti individuali e politici dei cittadini, magari alleandosi con forze eversive nei confronti dello Stato, specialmente al Sud. E questo sarebbe un danno grave per tutti noi. Il Movimento 5 stelle si indebolirebbe di sicuro perché perderebbe per strada la componente civica e di sinistra che ne sorregge parte dell’ossatura ed il PD resterebbe all’opposizione, con una composizione parlamentare certamente differente perché fedele alla linea più a sinistra di Nicola Zingaretti.

Ma il gioco vale la candela? Ossia a chi conviene che il M5S ed il PD facciano i duri e puri fino alla fine? Certamente non a noi cittadini, non alle nostre istituzioni, non al ruolo della sinistra, non alle nuove generazioni, fin troppo escluse e umiliate dalla politica-spettacolo. Al nostro Paese serve una politica responsabile, ossia un passo indietro del Movimento 5 Stelle che solo un No netto di Giuseppe Conte al suo secondo mandato può ottenere. Non mi aspetto, purtroppo, una posizione responsabile dal PD perché in questi anni con Renzi ha attaccato e umiliato lo Statuto dei Lavoratori promulgando il Jobs Act e tentato di scardinare i delicati equilibri della Costituzione. Forse Zingaretti è diverso, magari più di sinistra, magari più responsabile. Ma allora non ha che da fare una cosa: dimostrarcelo, facendo uscire l’Italia dalla crisi, superando l’ostacolo e salvandoci dal fascismo che sta dietro l’angolo.

Marco Zanier

Per un manifesto dell’ambientalismo autonomo e socialista. di R. Paccosi

Postato il

Paccosi 1

.

Faccio una rivelazione: anche se ne parlo molto di rado, della tutela dell’ambiente me ne importa parecchio e da sempre.
Quanto segue è una traccia sommaria per un auspicabile manifesto che sappia fuoriuscire dall’ecologismo di oggi, volto a considerare o comunque comunicare la questione ambientale come tema separato da quello sociale.

Il primo aspetto da demistificare, ritengo consti della prospettiva riformista dei Verdi europei a partire dalla constatazione che, in questa fase storica, il riformismo è stato eliminato dai sistemi capitalisti anche solo come possibilità.
Questo non implica che l’alternativa sia, quindi, l’assalto al Palazzo d’Inverno. Questo significa, invece, materializzare una strategia riformatrice fatta di intervento sociale, istituzionale e accademico-scientifico, che sappia darsi una prospettiva di attuazione lunga decenni.
Nè più né meno, cioè, della lunga traversata compiuta dai conservatori americani, ovvero dalle teorizzazioni strategiche di Leo Strauss negli anni ’50 sino all’elezione di Reagan e all’inzio della controrivouzione liberista mondiale.
Occorre, oggi, la medesima strategia a contenuti invertiti, ovvero una strategia che media con le istituzioni e le leggi esistenti, ma che respinge qualsiasi ipotesi di mediazione col neoliberalismo per ciò che riguarda gli obiettivi finali.

Per quanto invece riguarda l’operazione di marketing imprenditoriale che ha creato a tavolino il brand denominato “Greta Thurberg” e che ha riportato la questione ambientale al centro dell’agenda politica, mi pare assurdo anche solo il fatto di doversi fermare a discuterne.
La prospettiva capitalista della green economy promossa dagli autori del succitato brand, sta chiaramente puntando, nella sua comunicazione, a un attacco ai consumi dei singoli cittadni – perfettamente in sintonia, quindi, con quei principi di austerity e di assottigliamento del ceto medio che sono propri della dottrina liberista-globalista – lasciando immutato il contesto internazionale di competizione globale dei mercati e, quindi, l’accumulazione del profitto e l’ipersfruttamento delle risorse che ne derivano.

Occorre, quindi, una prospettiva autonoma, socialista e di classe del tema ambientale che sappia, a differenza dell’ecologismo fin qui determinatosi nei paesi occidentali, connettere il tema dell’ambiente alle altre questioni strategiche e filosofiche della nostra epoca, e precisamente:
a) l’indissolubilità del tema ambientale col tema della sottomissione della società a un contesto di competizione globale dei mercati; in altre parole, solo un processo di de-globalizzazione può consentire di porre freni e regole all’accumulazione di profitto propria del capitalsimo finanziario transnazionale;
b) a partire da quanto detto al punto a), le formazioni politiche che portano avanti la questione ambientale prefigurandola come compatibile al contesto del liberismo-globalismo e dei suoi trattati internazionali, sono da considerare avversari politici;
c) l’indissolubilità del tema ambientale col tema dell’economia di guerra; non è possibile affrontare la questione ambientale se non si crea, nel mondo, un nuovo ordine multipolare e parzialmente regolato dal diritto internazionale: questo significa che occorre avversare con ogni mezzo disponibile la prospettiva unipolare della Nato e dell’Alleanza Atlantica, volta a provocare guerre, terrorismo, colpi di stato e caos in ogni angolo del pianeta; una prassi guerrafondaia correlata, quasi sempre, a questioni strategiche di gasdotti (Siria, Ucraina) e petrolio (Iran, Venenzuela);
d) a partire da quanto detto al punto c), le formazioni che portano avanti la questione ambientale prefigurandola come compatibile a una visione della politica internazionale favorevole all’interventismo militare di Nato e Stati Uniti, sono da considerare avversari politici;
e) nel contesto storico-filosofico di una Tecnica che si sostituisce all’uomo come finalità della storia e della società e nel contesto, altresì, di sistemi capitalisti in cui si teorizza il post-umano in quanto orizzonte finale eliminante la separazione tra uomo e universo, la questione ambientale si colloca come elemento cruciale; valorizzare la relazione profonda tra l’uomo e la natura primaria, significa infatti bloccare il nichilismo e la razionalità strumentale con cui il dominio della Tecnica – assoggettando nel virtuale ogni ambito dell’esperienza, della creatività e della percezione – sta dissolvendo l’intelligenza critica nonché annullando la protensione della coscienza umana verso il sovrasensibile;
f) la connessione della questione ambientale a quellla dello scontro di classe fra popoli ed èlite economiche, però, deve per inverarsi escludere dal proprio ambito la tesi dell’inesistenza della questione ambientale e/o della sua presunta genesi cospirativa a opera delle èlite suddette.

Riccardo Paccosi