Governo del cambiamento o gattopardesco? di S. Valentini

Postato il

sandro-valentini 2

È nato i governo 5 Stelle Lega con il tecnico avvocato Conte Presidente del Consiglio. Indubbiamente è una “rivoluzione politica” rispetto al bipolarismo imperfetto tra centrodestra e centrosinistra che ha caratterizzato il Paese negli ultimi 25 anni. Ma la vera domanda da farci è: questo è un governo che ha come progetto la trasformazione, cioè stabilire nuovi rapporti di forza tra capitale e lavoro, a vantaggio di quest’ultimo?
Il “contratto” sottoscritto è molto contradditorio, contiene sia provvedimenti di destra, soprattutto sui diritti civili e sulla fiscalità, sia provvedimenti di sinistra, come il ripensamento della Tav, la difesa dell’acqua come bene comune, la riforma della giustizia e il conflitto di interessi (leggere Berlusconi). Contiene anche misure di buonsenso adottate da quasi tutti i paesi capitalistici per attenuare la povertà. In politica estera ha una visione più distensiva in particolare con la Russia e sulla politica da svolgere in Medio Oriente. E ciò è positivo.
Vedremo se tutti questi provvedimenti saranno attuati e come saranno attuati, quale segno politico prevalente avranno. Tutto il resto sono chiacchiere, compresa l’affermazione retorica di Di Maio che siamo entrati nella terza Repubblica.
Il punto nevralgico è sull’Europa. Si discute molto sull’euroscetticismo delle due formazioni “populiste”, sul loro antieuropeismo. Ma è effettivamente così? Intanto i Ministri degli Esteri e dell’Economia ci parlano di un’altra narrazione, cioè di un governo in forte continuità con i governi precedenti. E comunque non è con visioni sovraniste (molto propagandiste) che si costruisce un’altra Europa, anzi queste visioni, come confermano alcuni paesi dell’Est europeo, sono funzionali a quest’Europa dominata dal capitale finanziario e dall’asse politico imperialista franco-tedesco. Per una Europa dei popoli, delle regioni e delle comunità locali occorre dar vita a livello continentale a un forte movimento che metta in discussione gli attuali assetti di potere e che indichi la via per una profonda trasformazione politica, sociale e istituzionale della UE. A riprova che il governo nato non preoccupa più di tanto basta valutare l’andamento dei “mercati” che non dimostrano di temere una possibile instabilità “del sistema Italia”.
Dunque siamo in presenza di una “rivoluzione politica” ma non sociale, cioè che avvii radicali riforme sociali per una più equa distribuzione della ricchezza, per il lavoro e per ridurre nel Paese la drammatica forbice delle disuguaglianze, per il riscatto del Mezzogiorno. Mi pare l’ennesima operazione gattopardesca all’italiana: cambiare tutto per non cambiare niente! Senz’altro il governo sarà più attento, con una politica sussidiaria e di assistenza più vigorosa, alla povertà, ma nell’ambito di una visione di difesa dello status quo, né più né meno come hanno fatto sia i governi di centrodestra sia di centrosinistra. Dunque, altro che forze anti sistema al governo del Paese!
Considero questo governo un governo di destra, non tanto e non solo per alcuni provvedimenti che intende attuare che hanno spinto Fratelli d’Italia a dichiararsi di astenersi. Lo considero di destra in quanto 5 Stelle e Lega hanno “catturato”, soprattutto per grave responsabilità del Pd e di una sinistra che non c’è, ampi settori popolari di lavoratori, di disoccupati, di precari, di giovani e pensionati, ma anche una parte dei ceti medi impoveriti dalla crisi, in fortissimo disagio sociale. Una parte consistente di fasce popolari sono state inglobate in una politica funzionale a un sistema sempre più dominato dal capitale finanziario, con il pretesto che non ci sono più ideologie, che destra e sinistra non hanno più senso di esistere, ma occorre fare cose concrete senza però stravolgere le ferree regole economiche del sistema.
Rompere questo blocco sociale e politico sarà per l’immediato e il medio periodo arduo. Per questo occorre lavorare per ricostruire la sinistra (non un centrosinistra rinnovato e più avanzato) radicata nel sociale e con un chiaro progetto di trasformazione della società italiana ed europea. Basta con i cartelli elettorali tirati su ad ogni scadenza elettorale (e dunque non credibile), anche se alle elezioni europee bisognerà giungere nel migliore dei modi possibili. Occorre condurre un lavoro di lunga lena e per questo non servono facili e superficiali analisi, come quelle di considerare l’attuale governo fascista e reazionario. Lasciamo tali valutazioni a La Repubblica, quotidiano di quel pensiero liberaldemocratico uscito sonoramente sconfitto dal voto. Il primo vero passaggio da realizzare è che la sinistra italiana recuperi una sua autonomia di giudizio e di pensiero. Le sirene “grilline” o “leghiste”, come il pensiero liberaldemocratico non appartengono alla sinistra, ai suoi valori.

Sandro Valentini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...