Mese: ottobre 2015

La sinistra tramonta se è uguale alla destra, di W. Münchau

Postato il

wolfgang-munchau-1

Uno degli enigmi politici dell’Europa continentale è lo scarso successo del centrosinistra. Gli eventi avrebbero dovuto favorire i socialisti e i socialdemocraticiLe crisi dell’euro e del sistema finanziario internazionale sono state in parte il risultato di un’estrema deregolamentazione dei mercati dei capitali controllati dai governi di centrodestra, e del loro rifiuto di creare una maggiore unione economica nell’eurozona.

I partiti europei di centrosinistra vanno al potere ogni tanto, ma meno spesso di quelli di centrodestra. E quando riescono a conquistarlo ci restano meno a lungo. La loro posizione in questi tempi è quella di alleati minori in una grande coalizione. Un’eccezione è la Francia – ma anche lì, il presidente François Hollande non va bene nei sondaggi. Va meglio il Pd in Italia, ma questo è dovuto in parte alla frammentazione dell’opposizione.

Perché allora il centrosinistra in generale non riesce a trarre vantaggio dai fallimenti dei suoi avversari politici? Il motivo profondo sta nel fatto che ha assimilato le politiche del centrodestra, invalse da circa un trentennio: l’accettazione degli accordi di libero scambio, la deregolamentazione di quasi ogni cosa e (nell’eurozona) l’introduzione di vincoli di bilancio insieme all’adozione della più rigorosa dottrina dell’indipendenza della banca centrale che sia mai stata formulata. Così oggi i partiti di centrosinistra non sono più distinguibili dai loro avversari.

Non è stato sempre così. Negli anni Settanta, il cancelliere tedesco Helmut Schmidt, un leader socialdemocratico piuttosto conservatore, andava alle riunioni della Bundesbank in cui veniva decisa la politica monetaria, dispensando i suoi consigli. Allora non c’erano vincoli di bilancio come quelli di oggi. E in seguito alla contrazione dell’economia alla fine di quel decennio, adottò una strategia fiscale keynesiana per contrastare gli effetti della recessione. Con questo non voglio dire che fosse una migliore politica economica. Forse non lo era. Ma il punto è che la sinistra adottava politiche diverse da quelle della destra e che queste andavano a suo vantaggio politicamente.

Il grande cambiamento politico è avvenuto nel corso degli anni Ottanta e Novanta, in un periodo in cui i principali partiti europei di centrosinistra stavano all’opposizione, tranne che in Francia. In quegli anni, il consenso verso la politica economica in Europa si spostò verso la destra. La politica macroeconomica cominciò a basarsi su regole più strette. Gli interventi discrezionali vennero abbandonati, le imprese statali furono privatizzate e i mercati liberalizzati. Le banche centrali in tutta Europa divennero pienamente indipendenti. Ricordo un importante esponente politico socialdemocratico che era orgoglioso di poter recitare a memoria tutte le regole dei trattati europei. Nessuno però si chiedeva se quelle regole avevano un senso.

Lo spostamento a destra è sembrato funzionare, inizialmente. Portò ai successi elettorali di Tony Blair in Inghilterra nel 1997 e di Gerhard Schröder in Germania nel 1998. Blair fu rieletto due volte; Schröder una. Queste vittorie hanno creato lo stereotipo ancor oggi persistente fra i dirigenti politici di centrosinistra: quello secondo cui si possono vincere le elezioni solo su posizioni di centro.

Poi però sono arrivate le crisi finanziarie e politiche scoppiate a partire dal 2007. Dopo aver abbandonato i tradizionali strumenti di gestione della politica macroeconomica, il centrosinistra era rimasto privo di alternative. Così, quando la crisi del capitalismo globale ha offerto un’occasione da non perdere, i suoi leader non hanno saputo coglierla. Hanno salvato le banche, invece di nazionalizzare. Hanno imposto l’austerità. Non avevano nulla di originale da dire.

Sulla questione della Grecia, il centrosinistra europeo non ha saputo reagire diversamente dal centrodestra.In Germania Sigmar Gabriel, ministro dell’Economia e segretario generale dell’Spd, si è rivelato ostile verso i greci come Wolfgang Schäuble, il ministro delle Finanze della Cdu. L’unico partito keynesiano in Germania oggi è Die Linke, che proviene dagli ex comunisti della Germania Est. In Italia e in Francia i keynesiani sono all’estrema sinistra e all’estrema destra.

I partiti di centrosinistra farebbero meglio allora a spostarsi di nuovo a sinistra? L’elezione di Jeremy Corbyn a segretario del partito laburista britannico potrebbe preannunciare una svolta in questa direzione. Ma la Gran Bretagna non è legata al consenso dell’eurozona: a Londra basta solo un cambiamento di governo per cambiare politica, mentre nell’eurozona ci vorrebbe un cambiamento dei trattati. O più probabilmente una rivoluzione. In ogni caso, non è affatto chiaro se gli attuali partiti di centrosinistra  riusciranno ad emergere come agenti del cambiamento. Temo di no.

Wolfgang Münchau

(Traduzione di Mario Baccianini)
Copyright The Financial Times Limited, 2015

Tratto dal sito: http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2015/09/29/news/la-sinistra-tramonta-quando-e-uguale-alla-destra-1.231841

Annunci

Nelle città-simbolo una sinistra diffusa lancia la sfida al Pd, di M. Prospero

Postato il

Michele-PROSPERO

Le prossime elezioni amministrative diranno qualcosa di più attendibile su come si stanno disponendo gli orientamenti reali dei cittadini. Al momento sono possibili delle inferenze provvisorie, destinate a essere confermate o smentite dallo sviluppo degli avvenimenti. Nelle grandi città è visibile uno stato di completa anarchia politica che sembra contrastare con l’immagine granitica di un Partito Unico della Nazione che conquista sempre nuovi proseliti nelle Camere.

Le griglie coalizionali, e i simboli nazionali della competizione tra destra e sinistra, sono ormai saltati. E, almeno in questo, il territorio conferma quello che da due anni succede nel Palazzo, dove il Pd ingrossa le truppe, in un gran ritorno delle pratiche del trasformismo. Nelle periferie, non ci sono più confini di partito, esiste un indistinto calderone, in esso tutto si mescola, senza coerenza, stabilità, conflitto effettivo tra programmi.

La destra, dal canto suo, ha poco da sperare nel voto amministrativo. Già assente, prima del diluvio che l’ha disintegrata, dal controllo delle grandi città, ora che non ha ancora trovato la via per una sua embrionale riorganizzazione, vaga nella più profonda incertezza. Potrà forse tornare a essere protagonista nella capitale, ma non per una sua recuperata competitività (l’eredità di Alemanno pesa come un macigno). È comunque difficile che, con Meloni al comando, sbaragli la concorrenza di altre formazioni, pronte all’affondo per l’assedio finale al Campidoglio.

Anche a Milano una destra colpita dagli scandali non sembra attrezzata per approfittare del grande vuoto che lascia la rinuncia di Pisapia alla corsa per il secondo mandato. Lo stile populista molto aggressivo di Salvini, mentre penetra nelle periferie, facendo breccia nelle paure disseminate nelle piccole e medie città, non sembra avere le caratteristiche per sfondare in una metropoli come il capoluogo lombardo, dalle forti sensibilità post-materialiste.

La vera sfida per la destra non è quella di conquistare i municipi, ma di mostrare di essere ancora potenzialmente (in caso di alleanze tra eterogenei soggetti) il secondo polo della contesa. Questo, in fondo, sarebbe anche l’auspicio del Pd, che vedrebbe con estremo favore un ballottaggio con una destra fragile. Il fatto è che, a Roma o a Napoli, i democratici scontano delle prevedibili difficoltà a organizzare una loro offerta politica, che abbia delle credibili potenzialità di successo.

In una metropoli come Milano, il cui controllo assume un significato di lungo periodo, visibili sono i ritardi nella confezione di una proposta politica solida. Stenta anche la selezione di una candidatura di effettivo rilievo. Il panorama è per ora coperto da aspirazioni a Palazzo Marino coltivate da figure visibilmente poco prestigiose. La sinistra che guidava Milano, Genova, Cagliari con un proprio esponente è immersa anch’essa in un dilemma strategico. Esclusa dalle alleanze nazionali, per via della vocazione maggioritaria che con l’Italicum impedisce coalizioni e apparentamenti, a livello locale cerca di procedere a macchia di leopardo. Nella certezza che un’alleanza politica con il Pd è impossibile da stipulare per il 2018, la sinistra si trova nell’imbarazzo di dover rompere governi locali che la vedono coinvolta in posizioni cruciali o di confermare un’intesa in condizioni di subalternità politica, rischiando così di lavorare per il nemico, che intende asfaltarne ogni traccia.

Un fenomeno nuovo, che potrebbe avere una ricaduta simbolica nient’affatto trascurabile, è l’apparizione di liste civiche di sinistra a Bologna o a Torino (ma anche a Roma l’ipotesi non è da scartare). Esse adottano una tattica di guerra di movimento. In città-simbolo (Torino, per la presenza, nel ruolo di sindaco, dell’ultimo segretario del Pds, distintosi per un renzismo oltranzista; Bologna, per l’opera di potentati economici che hanno indotto la “ditta” a cedimenti sulle riforme costituzionali e del mercato del lavoro) una sinistra diffusa lancia la sfida al Pd. L’obiettivo è quello di acciuffare il ballottaggio o comunque di rimescolare le carte, per graffiare Renzi e costringerlo a misurarsi con il senso della sconfitta.

Soprattutto per il M5S le consultazioni di primavera assumono un ruolo strategico. Nelle grandi città, i grillini dovranno confermare la possibilità di raccogliere le ansie antisistema, per diventare il secondo polo elettorale e contendere al ballottaggio la guida del governo al Pd. Nell’evoluzione della contesa elettorale in una direzione post-partitica e post-coalizionale, si profila all’orizzonte un grande scontro tra il Palazzo e la società civile, tra il sistema e l’antipotere, tra il populismo mite e il populismo forte. Gli strateghi dell’Italicum, e gli amici del “facilitatore” Verdini, hanno combinato un bel pasticcio e il sistema politico potrebbe di nuovo esplodere.

Michele Prospero

 

tratto dal sito:  http://www.rassegna.it/articoli/nelle-citta-simbolo-una-sinistra-diffusa-lancia-la-sfida-al-pd

Manganellate e privatizzazioni contro il diritto all’abitare, di G. Martinotti

Postato il

giampaolo 2

Più di duecento i poliziotti e i carabinieri mobilitati martedì 20 nel capoluogo emiliano per lo sgombero della palazzina dell’ex-call center Telecom. I circa trecento occupanti, tra i quali molte donne e bambini, si erano macchiati di un delitto troppo grave per essere lasciato impunito: non potendosi permettere di pagare un affitto, e non avendo a disposizione un alloggio pubblico, negli ultimi dieci mesi avevano rimesso in sesto i locali dello stabile, abbandonati da anni, per adibirli ad uso abitativo.

Mentre queste persone venivano buttate letteralmente in mezzo alla strada con la forza, a Roma scattava immediatamente la solidarietà dei movimenti per il diritto all’abitare che davano vita a un sit-in di solidarietà a Porta Pia, bloccando il traffico in maniera pacifica e opponendo resistenza passiva agli agenti in assetto antisommossa. E in un attimo prendeva forma la solita dinamica repressiva che si ripete quasi quotidianamente non solo nella capitale: l’arrivo della camionetta idrante, violenti getti d’acqua contro manifestanti inermi, la carica indiscriminata dei poliziotti che provoca feriti e contusi.

Questi sono fatti gravissimi e rispecchiano l’impotenza di un governo repressivo che con le sue politiche di austerità ha portato i tassi di povertà e disuguaglianza a livelli vertiginosi. L’approccio semplicistico e classista con il quale il complesso fenomeno delle occupazioni abitative viene ridotto a emergenza criminale, grazie anche alla mistificazione del concetto di legalità, rivela una profonda impreparazione sia in termini amministrativi che umani.

Affrontare l’urgenza del problema abitativo nel nostro paese esclusivamente come una questione di ordine pubblico, negandone le conseguenze sociali già imperanti, è l’ennesima negligenza da parte di uno Stato che mette i suoi cittadini, e migliaia di nuclei familiari, in situazioni altamente rischiose nelle quali i diritti fondamentali vengono sistematicamente negati. Evizioni forzate ai danni di cittadini vulnerabili, anziani, malati terminali, famiglie con minori, portatori di handicap. L’indigenza come colpa, il desiderio di dignità come crimine.

Si delinea così un quadro disarmante in cui i principi del riconoscimento dei diritti inviolabili, l’uguaglianza e la solidarietà politica, economica e sociale, vengono violati in spregio alla Costituzione, ormai obsoleta e a quanto pare da riformare anche a costo di sacrificare la democrazia. Perfino l’Istituto Nazionale di Urbanistica ha sancito l’inadeguatezza delle risorse messe a disposizione dal governo nel DL n.47 e ha ribadito che per far fronte all’attuale emergenza, ampliando l’offerta di alloggi sociali in locazione permanente destinati a fasce sociali a basso reddito, servono risorse certe per un adeguato numero di anni.

Ma non sorprende che l’orientamento espresso da Renzi, al contrario, vada nella direzione opposta, quella della cessione generalizzata del patrimonio di edilizia sociale e della dismissione del patrimonio pubblico, confermando peraltro che la politica del governo sia completamente assoggettata alla logica del “privatizzare per salvare il bene pubblico”. Insomma, manganellate e privatizzazioni, criminalizzando l’esistenza di migliaia di nuclei familiari in nome della legalità: oggi la vera sfida è quella di far prevalere la democrazia e i diritti sulla potenza devastatrice del capitale.

Giampaolo Martinotti

tratto dal sito http://popoffquotidiano.it/2015/10/22/manganellate-e-privatizzazioni-contro-il-diritto-allabitare/

Alluvioni nel Mediterraneo tra cambiamenti climatici e urbanizzazione selvaggia, di B. Ceccarelli

Postato il

mia foto

Le inondazioni e le tempeste che colpiscono sempre più frequentemente il bacino del Mediterraneo e i relativi Paesi  stanno facendo decine di morti: Francia,  Italia ,Grecia, ecc. La devastazione  dei territori  risulta essere  pesantissima. La frequenza di tali episodi intensi può essere messa in relazione sia con il riscaldamento globale e sia con gli episodi di consumo di suolo dissennato. Il legame con l’”affaire” Tor di Valle.

Le inondazioni e le tempeste che colpiscono sempre più frequentemente le coste del Mediterraneo e i relativi Paesi, hanno comportato sinora decine e decine di morti. In Francia, in Italia,  in Grecia, ecc., interi territori ne sono risultati  devastati.

A casa nostra ricordiamo tristemente le tragedie che hanno colpito la Liguria, la Sardegna, e non solo. Oggi sono colpite  alcune regioni del Centro Sud e la Sicilia.

Parrebbe che la problematica per le autorità preposte  consista esclusivamente nella capacità di saper leggere bene tutti i parametri che determinano i Bollettini metereologici per poter essere – responsabilmente –  bravi ad allertare le popolazioni.

Governo, Protezione civile e Sindaci cercano di dimostrare di aver alleviato i danni, riducendoli.

Queste tremende  tempeste sono provocate dall’incontro di  masse  d’aria calda e umida proveniente dal sud del Mediterraneo  e di  masse d’aria più fredda provenienti da latitudini più in alto, nel nord. Quel che invece è molto eccezionale è l’intensità del fenomeno che si sviluppa  da qualche tempo a questa parte. Veri record di precipitazione in poche ore.

Questi fenomeni, estremi e molto localizzati, sembrano legati direttamente al riscaldamento climatico. Ne sono pure convinti molti ricercatori che sintetizzando esprimono questa analisi : «Le ricerche sul clima lasciano effettivamente pensare che andremo incontro sempre più spesso a questo tipo di situazioni».

I media ne parlano, spesso con lunghi e angoscianti resoconti. Tuttavia si salta a piè pari, la questione è inesistente,  il legame esistente tra la responsabilità di una cattiva programmazione urbanistica e il possibile collegamento con i cambiamenti climatici.

Se le  aree urbane si ingrandiscono con programmazioni risibili (vedi ad esempio la normativa circa le compensazioni), se si continua  irresponsabilmente  a costruire in ogni dove, se l’idrologia urbana (in particolare le reti di canalizzazione dell’acqua) non permettono di assorbire le quantità di acqua che vengono dal cielo, se la regolamentazione  dei fiumi non è sufficiente, si possono avere eventi catastrofici. Mentre possiamo affermare che molta (o praticamente tutta) è la responsabilità dell’uomo, credo che  risulterebbe vano e sbagliato pensare che sia utile cercare  una “gerarchia di responsabilità” circa i disastri,  addossandoli separatamente al cambiamento  climatico o alla urbanizzazione insensata.

Mai come in questa epoca appare incredibile la separazione  culturale esistente tra conoscenza, ricerca e  modello di sviluppo. Anzi in questo caso salta completamente quella che si chiama visione Glocal (globale e locale). Infatti in questo caso coloro che sono preposti alla pianificazione e programmazione (la Politica e le Istituzioni)  non solo, come si dice, dovrebbero avere la cultura di   pensare globalmente e agire localmente , ma dovrebbero essere capaci di fare di più.

A Roma abbiamo un esempio emblematico. L’Assemblea Capitolina dichiara  “l’interesse pubblico”  per la realizzazione di uno Stadio di calcio in una area a rischio idrogeologico e contemporaneamente  collega tale realizzazione alla possibilià (perfino interpretando in modo “ disinvolto”  le normative al riguardo) di costruire nella medesima area, fragilissima,  addirittura tre grattacieli alti 220 metri, oltre che altri palazzi di diversi piani.  Questa scelta  realizza, a mio modo di vedere, per la prima volta nel nostro paese, l’utilizzo di un affare speculativo per dare sostegno (lavoro si dice) a questo modello di sviluppo.

Un modello si badi bene che è responsabile del cambiamento climatico e consegue nel pianeta la più grande diseguaglianza tra gli uomini che ci sia mai stata nella storia. La conseguenza che nel Mediterraneo si vede giornalmente  é  pure nella contemporanea fuga  di milioni di migranti che scappano dai luoghi nella quale già si sta consumando la terza guerra mondiale.

Cercare di mettere delle pezze attraverso provvedimenti inutili e  stravaganti come spesso fanno gli inadeguati amministratori nostrani oltre che il danno, se fossimo capaci di ironia, ne coglieremmo pure il ridicolo.

Risalire la china non è per nulla facile. Compito della parte migliore del paese è quello di non perdere la bussola e tenacemente provare a mantenere in modo  lucido  la dimensione delle problematiche  che sono in gioco. Con una frase presa a prestito occorrerebbe sapere che le generazioni che verranno ci giudicheranno.

Bruno Ceccarelli

Sulla laicità delle istituzioni e le responsabilità della sinistra, di M. Zanier

Postato il Aggiornato il

 

foto

In un periodo in cui si guarda al Papa come al miglior referente per il rispetto dei diritti dei più deboli, ci si dimentica troppo spesso del ruolo storico delle forze della sinistra e della laicità delle nostre istituzioni, io torno col pensiero alla Breccia di Porta Pia ed al sacrificio dei bersaglieri caduti per rendere l’Italia unita e libera quel 20 settembre 1870. Quel giorno, al temine della Terza Guerra d’Indipendenza, essi si sono aperti faticosamente una breccia nelle mura vaticane a suon di cannonate e sono entrati vittoriosi a Roma guidati dal generale Raffaele Cadorna. Da quel giorno è ufficialmente finito il potere temporale della Chiesa, lo Stato Pontificio è caduto, al suo posto è nata l’Italia unita. Pochi mesi dopo Roma verrà proclamata capitale d’Italia.

Al momento della nascita della Repubblica Italiana, i padri costituenti hanno voluto sancire le fondamenta laiche del nostro Stato, scrivendo nella nostra Costituzione l’Articolo 7 : “Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale”. E la separazione dei poteri è stata confermata dal successivo Concordato, sottoscritto dai i due Stati nel 1984. Ed oggi che assistiamo alle ennesime ingerenze di oltretevere nelle vicende italiane (si veda il caso Marino e la resistenza delle forze politiche di ispirazione cattolica a far pagare l’IMU agli immobili del Vaticano od a far approvare la legge sulle unioni civili mentre si continuano a sovvenzionare le scuole private cattoliche coi soldi della scuola pubblica ed il fatto che lo stesso succede nella sanità ) mi domando se non sia il caso di ripartire anche da lì per definire il profilo e gli obiettivi di una politica alternativa realmente efficace per il Paese. Non intendo con questo il limitarsi al laicismo di facciata senza toccare le controriforme degli ultimi governi e di questo in particolare che hanno attaccato e distrutto le ultime certezze dello Stato sociale rimaste negli italiani (abolizione dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori e del contratto di lavoro a tempo indeterminato, trasformazione della Scuola pubblica in una succursale delle aziende private con la chiamata diretta del preside-manager, riduzione drastica della democrazia rappresentativa con il ridimensionamento drastico del ruolo del Senato e l’elaborazione dell’Italikum, ossia la legge elettorale che annulla i contrappesi istituzionali previsti dalla Costituzione) ma coniugare le istanze più serie e rigorose della difesa dei diritti dei lavoratori, dei pensionati, dei tanti tantissimi precari e senza reddito né certezze abitative e dei ceti medi in grandissima difficoltà con una sana, antica e indispensabile presa di distanza dalla politica pontificia, che dovrebbe riguardare solo la Città del Vaticano.

Per questo oggi, sento il bisogno di guardare anche indietro a quel 20 settembre 1870 ed ai 49 bersaglieri caduti, perché è al loro sacrificio che dobbiamo l’unità d’Italia. Tutti quanti. E sento il bisogno di ricordare i loro nomi, sperando di non essere il solo a sentirsi riconoscente per il loro sacrificio:  PAGUARI GIACOMO, PALAZZOLI MICHELE, CASCARELLA EMANUELE,PARILLO GIACOMO, RIPA ALARICO, AGOSTINELLI PIETRO, CANAL LUIGI,GAMBINI ANGELO, BOSI CESARE, MATRICCIANI ACHILLE, MORRARA SERAFINO, ZOBOLI GAETANO, VALENZIANI AUGUSTO, SANTUNIONE TOMMASO, PERRETTO PIETRO, MARTINI DOMENICO, PAOLETTI CESARE, THEORISOD LUIGI DAVID, RISATO DOMENICO, MARABINI PIO, LEONI ANDREA, IACCARINO LUIGI, IZZI PAOLO, CARDILLO BENIAMINO, GIANNITI LUIGI, CORSI CARLO, RAMBALDI DOMENICO, GIOIA GUGLIELMO, BONEZZI TOMMASO, SANGIORGI PAOLO, CALCATERRA ANTONIO, TURINA CARLO, ROMAGNOLI GIUSEPPE, MATTESINI FERDINAND, BERTUCCIO DOMENICO, ZANARDI PIETRO, COMPAGNOLO DOMENICO, BOSCO ANTONIO, MAZZOCCHI DOMENICO, CAVALLO LORENZO, TUMINO GIUSEPPE, MADDALENA DOMENICO, ALOISIO VALENTINO, BIANCHETTI MARTINO, DE FRANCISI FRANCESCO, SPAGNOLO GIUSEPPE, FRANCISI FRANCESCO SPAGNOLO, GIUSEPPE XHARRA LUIGI, RENZI ANTONIO.

Marco Zanier.

Sindacato sotto attacco, la via d’uscita è l’unità, di B. Ugolini

Postato il Aggiornato il

Bruno Ugolini

Ho davanti una pagina de l’Unità di giovedì 11 settembre 1969. C’è un titolo enorme: “SCIOPERO: i metallurgici iniziano la battaglia per il contratto”. Era l’avvio di quello che il socialista Francesco De Martino battezzerà come “autunno caldo”. Sarebbe interessante andare a vedere le stesse pagine dell’epoca prodotte dal Corriere della Sera o dalle reti televisive. Troveremmo le stesse rampogne, le stesse grida scandalizzate che troviamo oggi in quasi tutti i mass media. Per cui le parole usate nell’editoriale de l’Unità quel giorno del 1969, firmato da Bruno Trentin, potrebbero essere riprodotte anche oggi. Laddove, ad esempio, si sofferma sui “vibranti articoli del Corriere della Sera” i quali non riconoscono più “il Sindacato buono e vilipeso, dai gruppi contestatori”.

Certo viviamo in tempi ben diversi da quel 1969. Allora c’era l’espansione economica, oggi c’è la decrescita infelice. C’è però qualcosa che non cambia. E’ l’atteggiamento prepotente della Confindustria. Oggi vuole cancellare il contratto nazionale per dare ampio spazio a quello aziendale (sapendo che è presente in un’assoluta minoranza di fabbriche). E che cosa chiedeva imperiosamente nel 1969? Lo ricorda ancora Trentin: “la rinuncia dei Sindacati ad ottenere anche a livello aziendale dei miglioramenti integrativi”. Niente contratti aziendali. La solita solfa, capovolta.

E anche allora l’informazione stava quasi tutta impegnata nel sostegno alla parte imprenditoriale. Sempre il Corriere il 19 ottobre del 1969 invoca una “legge sindacale” nonché “uno Stato autorevole”. Mentre il 4 dicembre annota come “le nuove forme di lotta sindacali pongono problemi sulla sopravvivenza stessa delle libere istituzioni”. Non tutti, però, 45 anni fa, si piegavano al conformismo dilagante. C’era chi indagava sul malessere del mondo del lavoro, sulle ragioni dei sindacati. Parliamo di Sergio Turone, Giorgio Bocca, Pietro Radius, Giovanni Russo, Goffredo Parise, Ignazio Silone, Cesare Zappulli.Oggi fare nomi altisonanti è più difficile.

La grande novità sta poi nei comportamenti dell’attuale governo. Le compagini capitanate da Rumor o Forlani non si sarebbero mai sognate di prendere per i fondelli i capi sindacali dell’epoca. Ve lo immaginate un Aldo Moro che accusa Luciano Lama di essere un retrogrado, un conservatore perché non capisce anticipatamente (come poteva avvenire all’epoca) il sorgere del cosiddetto “operaio massa”, la presenza di una forza fresca e combattiva a Mirafiori?

Fatto sta che nella nostra tecnologica epoca, l’informazione sta al gioco. C’è un Belpietro che chiede di “limare le unghie” ai sindacati, mentre il direttore del Sole 24 Ore invoca Di Vittorio e il suo piano del lavoro, ignorando che anche la Cgil della Camusso ha un piano del lavoro. Un piano che il governo non prende in alcuna considerazione, come del resto fecero i governi al tempo di Di Vittorio. E certo resta difficile pensare a quel grande “cafone” che incita gli operai e i braccianti a levarsi il cappello davanti a Squinzi e compagnia.

D’altronde un’altra novità oggi, a proposito di Confindustria, è data dalla scomparsa di quelli che un tempo si chiamavano “falchi” e “colombe”. Gli industriali metalmeccanici e chimici sono accanto a Squinzi nel ripudiare un negoziato sui contratti. Perché mai dovrebbero essere loro a impegnarsi in una trattativa quando hanno a disposizione esponenti di un “governo amico” che già hanno dato molto riassorbendo l’articolo 18 e disponendo notevoli incentivi per l’assunzione di giovani a contratto chiamato indeterminato, anche se nel finale può essere sciolto? Misure che incrementano dello zero virgola qualcosa l’occupazione suscitando un’esultanza ottimistica che non può essere condivisa dall’esercito dei giovani precari rimasti in costante attesa.

Oggi però, di fronte all’imponente campagna antisindacale, molto più forte rispetto al passato, c’è per i sindacati un rischio centuplicato dell’isolamento. Ecco perché sarebbe necessario dare un respiro alto alla battaglia che si preannuncia. Non può essere, credo, una battaglia solo salariale capace di coinvolgere, certo giustamente, operai, impiegati e tecnici attualmente occupati. Le piattaforme, come credo si stia operando, devono essere capaci di parlare anche ai nuovi assunti e a quelli non ancora assunti. Capaci di dare risposte a problemi della diffusione e non della restrizione del lavoro, anche con manovre sugli orari. Capaci di dare risposte alle domande di partecipazione: magari conquistando “consigli di sorveglianza” e replicando così a chi addita sempre l’esempio dei sindacati tedeschi. Piattaforme accompagnate da richieste ai “poteri pubblici” perché cerchino le strade per agire in supplenza di quegli imprenditori che scappano all’estero.

C’è infine un’esigenza sopra tutte le altre. Quella di rafforzare l’unità tra Cgil, Cisl e Uil. Tornano bene le parole di Trentin che chiudono quell’editoriale di tanti anni fa: “La nostra arma decisiva: l’unità e la democrazia di base…Qui sta la chiave del potere che il Sindacato riuscirà ad esprimere con la battaglia d’autunno…qui sta la chiave della vittoria dei lavoratori”.

Bruno Ugolini

tratto da http://www.rassegna.it/articoli/sindacato-sotto-attacco-la-via-duscita-e-lunita

Il Campidoglio, la democrazia e i burattini, di M. Foroni

Postato il Aggiornato il

Foroni 1

Triste e avvilente spettacolo in questi mesi e in questi giorni, a Roma. Per i cuori e le anime democratiche. L’inevitabile epilogo delle epoche senza pensiero, prive di quella Politica, che quando non pensa ai problemi reali delle persone, diviene miseramente politicante. Con gli schieramenti urlanti in piazza, giullari da varie parti in salsa corporativa medievale. A morte il tiranno, il Cola di turno. Burattini senza fili, che questi nemmeno servono.
E ora tutti a candidarsi, evviva il cavallo vincente, quello che per primo arriva, pur prendendo una minoranza di voti, vince e sale sul podio. Quello del burattino più in alto. Le elezioni come rito e scommessa, quelle delle gare degli “onesti” contro le “caste”, utili a far dimenticare che le classi sociali esistono, eccome, ancora.
Perchè quando vi era la Democrazia, le elezioni comunali e regionali non erano “vinte” da nessuno. E il sindaco veniva proclamato, con la sua giunta, a seguito degli accordi tra i partiti della coalizione di maggioranza. Gli accordi politici. Che rappresentavano numericamente la volontà e la scelta dell’elettorato. La mediazione della Politica. E’ dal 1993 , anno horribilis per la democrazia del Paese, quello delle bombe a Roma e Firenze, che abbiamo sistemi elettorali di tipo maggioritario, per le elezioni politiche e le amministrative, con la personalizzazione spinta della politica. L’anno della legge elettorale maggioritaria per il Parlamento, il Mattarellum, dichiarato nel 2014 incostituzionale (come il Porcellum) dalla Consulta. L’anno in cui furono sdoganati i fascisti, e non a caso Gianfranco Fini si candidò a sindaco di Roma, nella gara “tra cavalli” con Francesco Rutelli.
Purtroppo, da alcuni anni, abbiamo perduto memoria di tutto questo. Oggi una cittadina e un cittadino italiani che ha meno di 40 anni non ha minimamente l’idea di cosa voglia dire fare politica, della rappresentanza, di quella democrazia mediata dei Partiti e della partecipazione dal basso, che si ispirava ai dettami della Costituzione. Nella deriva attuale del leaderismo all’americana, abbiamo perduto l’essenza del pluralismo, e ridotta la politica, appunto, ad una gara di cavalli (o di burattini). Tempi bui e tragici, di questo neofascismo strisciante e ambiguo. Cerchiamo con forza di non abbandonare le ultime speranze. Forti dei nostri ideali. Ma è, e sarà, sempre più dura.
Marco Foroni